I Protagonisti

Telemaco
È un bambino/a della scuola primaria o un preadolescente della scuola secondaria di 1° grado, che presenta i sintomi di una difficoltà momentanea che si manifesta nei risultati scolastici e/o nelle relazioni interpersonali, mettendolo a rischio di un futuro abbandono scolastico.

Il Mentore
Il mentoreÈ un adulto volontario che, opportunamente formato, incontra a scuola il bambino/a o il preadolescente per instaurare con lui/lei una “relazione amichevole” (non aiuta a fare i compiti, non insegna materie scolastiche, gli dedica un po’ del suo tempo e gli trasmette i suoi valori). Ogni Mentore è abbinato a un Telemaco in un rapporto uno/uno perché l’amicizia si può fare solo in due.
S’incontrano all’interno di una scuola una volta la settimana e stanno insieme per un’ora. Nella maggior parte dei casi giocano, con l’unico obiettivo di diventare amici.

Gli incontri Mentore/Telemaco non hanno una specifica finalità terapeutica o educativa. Piuttosto vogliono creare uno spazio in cui l’amicizia con un adulto positivo e affidabile permetta a Telemaco di esprimersi liberamente, di acquisire competenze trasversali e di crescere in autostima, anche attraverso giochi di varie difficoltà.
Mentore e Telemaco non sanno nulla l’uno dell’altro prima di incontrarsi. L’amicizia tra loro è un rapporto paritario e viene costruita senza pregiudizi e soprattutto senza lasciarsi influenzare da quello che pensano gli altri (i genitori, gli insegnanti, i compagni di scuola).
Nel 2016 i Mentori su Milano erano 158 in 43 scuole, su Napoli erano 60 in 16 scuole.

Di anno in anno questi numeri sono destinati a cambiare secondo le scuole e le loro richieste.