A un anno e mezza dalla scomparsa di Arturo Colombo, abbiamo chiesto a Franco Mereghetti (che fu suo braccio destro alla Fondazione Riccardo Bauer), di delineare il suo itinerario di studioso, che ha sempre cercato – come ha lasciato scritto Colombo – "di mettere a fuoco l’attività, il ruolo, la presenza di singoli individui: fossero massicciamente presenti come un Mazzini o un Lenin, oppure fossero personaggi minori, come Sante Garibaldi o Luigi Credaro, Gaetano Mosca o Ricardo Bauer, figure altrimenti destinate a rimanere relegate in una zona d’ombra, in un dimenticatoio ingiusto”.

Leggi tutto...